Juveforum

"Da oggi, fino alla fine del mondo, noi che siamo qui verremo ricordati.
Noi pochi fortunati, noi banda di fratelli.
Perché colui che oggi è con me e versa il suo sangue sul campo, colui è mio fratello".
Noi non dimenticheremo MAI!!! Sempre 29





Pagine : (4) 1 [2] 3 4   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi al topicInizia nuovo topic Inizia Sondaggio

> Processo Di Napoli
 
maurizio
Inviato il: Giovedì, 26-Mar-2009, 18:41
Cita Post


Juventino Fiero
Group Icon

Gruppo: Gobbo del Mese
Messaggi: 1768
Utente Nr.: 38
Nome: maurizio orani
Data di Nascita:
Residenza: cagliari
Iscritto il: 16-Feb-2009



QUOTE (gabriele @ Giovedì, 26-Mar-2009, 14:47)
No caro omonimo nessuno risarcerà nessuno, nelle fattispecie erano alcune società di seria A e B, la Lega Calcio e la FIGC e altre società di consumatori a chiedere risarcimenti alla Juve. Da quanto ho capito adesso il processo continuarà contro Moggi ed altri per associazione a delinguere.

L'Associazione si scioglierà..anzi cadrà come le foglie in autunno 100x100 :rolleyes:
PMEmail Poster
Top
 
conte_di_montecristo
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 09:37
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1731
Utente Nr.: 53
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 16-Feb-2009



QUOTE (maurizio @ Giovedì, 26-Mar-2009, 18:41)
QUOTE (gabriele @ Giovedì, 26-Mar-2009, 14:47)
No caro omonimo nessuno risarcerà nessuno, nelle fattispecie erano alcune società di seria A e B, la Lega Calcio e la FIGC e altre società di consumatori a chiedere risarcimenti alla Juve. Da quanto ho capito adesso il processo continuarà contro Moggi ed altri per associazione a delinguere.

L'Associazione si scioglierà..anzi cadrà come le foglie in autunno 100x100 :rolleyes:

vero, è quanto sostiene anche paco d'onofrio che sottolinea l'importanza giuridica dell'estromissione della società juve dal processo

oggi su tuttosport c'è un suo articolo in merito... se qualcuno riesce a postarlo sarebbe carino
PMEmail Poster
Top
 
gabriele
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 14:44
Cita Post


Esperto Juventino
***

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 2474
Utente Nr.: 50
Nome: Gabriele Barrasso
Data di Nascita: 15/07/1965
Residenza: Grottaminarda ( AV )
Iscritto il: 16-Feb-2009



Appena riesco a inserirmi nel sito di tutosport ve la posto
PMEmail Poster
Top
 
gabriele
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 17:16
Cita Post


Esperto Juventino
***

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 2474
Utente Nr.: 50
Nome: Gabriele Barrasso
Data di Nascita: 15/07/1965
Residenza: Grottaminarda ( AV )
Iscritto il: 16-Feb-2009



Ecco l' intervista a D'onofrio :



L’esperto in Diritto sportivo su Calciopoli
« Svolta a Napoli: Juve da risarcire»
D’ONOFRIO «Ora i due scudetti vanno restituiti»
«Il club è stato escluso dal processo, la sua responsabilità per l’operato di Moggi è al massimo oggettiva, da punti di penalizzazione: ridargli i titoli compenserebbe la B, ormai espiata...»



MARTEDI’ Teresa Casoria, presidente della giuria, ha escluso la Juventus dal processo di Calciopoli: essendo un procedimento soltanto penale, il dibattimento riguarderà esclusivamente le responsabilità individuali dei singoli soggetti coinvolti e non quella oggettiva attribuibile al club bianconero. La Juventus esce così di scena: non ci potrà essere nei suoi riguardi alcuna delle richieste risarcitorie avanzate da club, associazioni di consumatori o privati cittadini. L’avvocato Paco D’onofrio ci ha mandato il suo parere su questa vicenda.
PACO D’ONOFRIO*
COME ho avuto occasione di anticipare nel corso di al­cuni interventi pubblici re­si all’indomani dell’inizio del processo di Napoli, le questioni lasciate irrisolte dalla frettolosa giustizia sportiva dell’estate del 2006 sarebbero riemerse presto, ben prima dell’ulti­mo grado di giudizio pena­le.
In effetti, è dato recente che i giudici ( statali, a differen­za di quelli sportivi che non appartengono all’ordina­mento giudiziario), sulla base di un’ampiezza di pro­ve indubbiamente inesi­stente nel momento in cui si è celebrato Calciopoli da­vanti agli organi della Figc, ha deciso di estromettere dal processo la Juventus, sollevandola da eventuali responsabilità risarcitorie ed asseverando la nota e ri­corrente tesi difensiva del­la società che, nella rinno­vata gestione, si è sempre dichiarata e professata quasi “ vittima” del presun­to travalicamento di man­sioni che il suo ex Direttore Generale, Luciano Moggi, avrebbe perpetrato nel tempo. Tralasciando ogni questio­ne sul punto, anche nel ri­spetto del processo che si sta celebrando, non può tuttavia non sottolinearsi che al momento, sulla base di quanto deciso dal colle­gio partenopeo, non è dato rinvenire alcun profilo di responsabilità del club bianconero, che, quindi, esce dall’agone processua­le.
Gli scudetti revocati alla Juventus andrebbero rias­segnati, quale effetto rever­sibile ( ormai la retrocessio­ne in serie B è stata effetti­vamente espiata) di una pronuncia della giustizia sportiva che si è fondata su un erroneo presupposto di fatto. Si ricorderà, infatti, che l’accanimento sanzio­natorio della Figc nei con­fronti della società bianco­nera si spinse oltre la sem­plice attribuzione di punti di squalifica ( come per le altre tre squadre coinvol­te), ma si decise di retroce­dere la squadra appena di­venuta Campione d’Italia, revocandole anche lo scu­detto conquistato nel corso di un campionato non sot­toposto ad procedimento di­sciplinare!
La non convincente gestio­ne del processo sportivo in termini di garanzie costitu­zionali e diritti della difesa, nonché l’applicazione delle massime sanzioni possibili, trovarono giustificazione nell’argomento federale se­condo cui la Juventus an­dasse punita con severità esemplare perché aveva be­neficiato ed avallato un si­stema di corruzione arbi­trale.
Non è così, a meno che non si consideri più attendibile un giudice sportivo rispetto ad un Tribunale della Re­pubblica.
Ferma restando la mia as­soluta convinzione dell’in­nocenza di Luciano Moggi, in ogni caso, per il solo pri­mo esito processuale napo­letano, la Juventus sarebbe legittimata a chiedere la revisione del processo spor­tivo, chiedendo la rassegna­zione degli scudetti illegit­timamente revocati (effetto ancora reversibile), quale atto moralmente doveroso nei confronti dei tifosi che ancora si interrogano sulla rinuncia al ricorso al Tar e giuridicamente doveroso nei confronti dei piccoli azionisti che hanno sofferto l’andamento al ribasso del titolo, per le note vicende.
*Docente di Diritto dello Sport all’Università di Bologna
PMEmail Poster
Top
 
gabriele
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 17:23
Cita Post


Esperto Juventino
***

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 2474
Utente Nr.: 50
Nome: Gabriele Barrasso
Data di Nascita: 15/07/1965
Residenza: Grottaminarda ( AV )
Iscritto il: 16-Feb-2009



Copollo El Can Blanc de Blanc avete letto ? Cosa aspettate ? O avete ancora paura del Vs vero presidente dentimarci ? Abbiate un moto di orgoglio fatelo se non per noi tifosi almeno per voi stessi !!!!!!!!
PMEmail Poster
Top
 
guzer
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 19:37
Cita Post


Staff Juveforum
*****

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 4574
Utente Nr.: 77
Nome: Christian Daniele Farina
Data di Nascita: 09/03/1978
Residenza: Carmagnola - To
Iscritto il: 24-Feb-2009



QUOTE
Ferma restando la mia as­soluta convinzione dell’in­nocenza di Luciano Moggi, in ogni caso, per il solo pri­mo esito processuale napo­letano, la Juventus sarebbe legittimata a chiedere la revisione del processo spor­tivo, chiedendo la rassegna­zione degli scudetti illegit­timamente revocati (effetto ancora reversibile), quale atto moralmente doveroso nei confronti dei tifosi che ancora si interrogano sulla rinuncia al ricorso al Tar e giuridicamente doveroso nei confronti dei piccoli azionisti che hanno sofferto l’andamento al ribasso del titolo, per le note vicende.
*Docente di Diritto dello Sport all’Università di Bologna


Signori, è la seconda possibilità che abbiamo di far valere le nostre ragioni, se ancora si latita mi incazzo, altrochè tutti sotto la sede senza se e senza ma, non scherziamo.
PMEmail PosterMSN
Top
 
alessandro magno
Inviato il: Venerdì, 27-Mar-2009, 20:57
Cita Post


Staff Juveforum
Group Icon

Gruppo: Assistente
Messaggi: 4548
Utente Nr.: 5
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 08-Feb-2009



io voglio i miei scudetti. tutti e 2 .
PMEmail Poster
Top
 
conte_di_montecristo
Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 10:04
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1731
Utente Nr.: 53
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 16-Feb-2009



grazie gabri :)
PMEmail Poster
Top
 
lesto1
Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 11:32
Cita Post


Fan Juventino
*

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 9
Utente Nr.: 91
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 27-Feb-2009



i scudetti sono 29.leggendo l'articolo su tuttosport che la JUVENTUS è sempre stata furi da calciopoli (farsa degli innocenti capeggiata dal sig. moRatto e truppa)la signora del calcio deve riavere i 2 scudetti revocati,e se fossi la Juventus chiederei i danni di immagini piu' l'umilazioneche ci hanno dato mandandoi in B senza prove,perchè non c'erano.forza campioni e grazie del campionato che state facendo.
PMEmail Poster
Top
 
lesto1
Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 11:40
Cita Post


Fan Juventino
*

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 9
Utente Nr.: 91
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 27-Feb-2009



QUOTE (gabriele @ Venerdì, 27-Mar-2009, 14:44)
Appena riesco a inserirmi nel sito di tutosport ve la posto

TORINO, 27 marzo - Martedi scorso Teresa Casoria, presidente della giuria, ha escluso la Juventus dal processo di Calciopoli: essendo un procedimento soltanto penale, il dibattimento riguarderà esclusivamente le responsabilità individuali dei singoli soggetti coinvolti e non quella oggettiva attribuibile al club bianconero. La Juventus esce così di scena: non ci potrà essere nei suoi riguardi alcuna delle richieste risarcitorie avanzate da club, associazioni di consumatori o privati cittadini.

L’avvocato Paco D’onofrio ci ha mandato il suo parere su questa vicenda.

«Come ho avuto occasione di anticipare nel corso di al­cuni interventi pubblici re­si all’indomani dell’inizio del processo di Napoli, le questioni lasciate irrisolte dalla frettolosa giustizia sportiva dell’estate del 2006 sarebbero riemerse presto, ben prima dell’ulti­mo grado di giudizio pena­le».

«In effetti, è dato recente che i giudici ( statali, a differen­za di quelli sportivi che non appartengono all’ordina­mento giudiziario), sulla base di un’ampiezza di pro­ve indubbiamente inesi­stente nel momento in cui si è celebrato Calciopoli da­vanti agli organi della Figc, ha deciso di estromettere dal processo la Juventus, sollevandola da eventuali responsabilità risarcitorie ed asseverando la nota e ri­corrente tesi difensiva del­la società che, nella rinno­vata gestione, si è sempre dichiarata e professata quasi “ vittima” del presun­to travalicamento di man­sioni che il suo ex Direttore Generale, Luciano Moggi, avrebbe perpetrato nel tempo. Tralasciando ogni questio­ne sul punto, anche nel ri­spetto del processo che si sta celebrando, non può tuttavia non sottolinearsi che al momento, sulla base di quanto deciso dal colle­gio partenopeo, non è dato rinvenire alcun profilo di responsabilità del club bianconero, che, quindi, esce dall’agone processua­le. Gli scudetti revocati alla Juventus andrebbero rias­segnati, quale effetto rever­sibile ( ormai la retrocessio­ne in serie B è stata effetti­vamente espiata) di una pronuncia della giustizia sportiva che si è fondata su un erroneo presupposto di fatto. Si ricorderà, infatti, che l’accanimento sanzio­natorio della Figc nei con­fronti della società bianco­nera si spinse oltre la sem­plice attribuzione di punti di squalifica ( come per le altre tre squadre coinvol­te), ma si decise di retroce­dere la squadra appena di­venuta Campione d’Italia, revocandole anche lo scu­detto conquistato nel corso di un campionato non sot­toposto ad procedimento di­sciplinare!»

«La non convincente gestio­ne del processo sportivo in termini di garanzie costitu­zionali e diritti della difesa, nonché l’applicazione delle massime sanzioni possibili, trovarono giustificazione nell’argomento federale se­condo cui la Juventus an­dasse punita con severità esemplare perché aveva be­neficiato ed avallato un si­stema di corruzione arbi­trale. Non è così, a meno che non si consideri più attendibile un giudice sportivo rispetto ad un Tribunale della Re­pubblica. Ferma restando la mia as­soluta convinzione dell’in­nocenza di Luciano Moggi, in ogni caso, per il solo pri­mo esito processuale napo­letano, la Juventus sarebbe legittimata a chiedere la revisione del processo spor­tivo, chiedendo la rassegna­zione degli scudetti illegit­timamente revocati (effetto ancora reversibile), quale atto moralmente doveroso nei confronti dei tifosi che ancora si interrogano sulla rinuncia al ricorso al Tar e giuridicamente doveroso nei confronti dei piccoli azionisti che hanno sofferto l’andamento al ribasso del titolo, per le note vicende».

questo e quello che dice l'avvocato a favore della JUVENTUS. :sciarpa:
PMEmail Poster
Top
 
lesto1
Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 11:43
Cita Post


Fan Juventino
*

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 9
Utente Nr.: 91
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 27-Feb-2009



sono 29!quest'anno saranno 10 coppe italia
PMEmail Poster
Top
 
lesto1
  Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 11:49
Cita Post


Fan Juventino
*

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 9
Utente Nr.: 91
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 27-Feb-2009



QUOTE (lesto1 @ Sabato, 28-Mar-2009, 11:43)
sono 29!quest'anno saranno 10 coppe italia

NAPOLI, 24 marzo - E' ripartito oggi il processo per Calciopoli. Alle ore 10.35 è arrivato il primo break dell'udienza perchè non sono state correttamente presentate le notifiche per gli arbitri De Sanctis e Dattilo. Il presidente della commissione Teresa Caroria assieme al suo collegio (tutto al femminile) è in camera di consiglio per decidere sul da farsi.

MOGGI ASSENTE - Si è costituito l'ex giocatore della Lazio Arcadio Spinozzi, difeso dall'avvocato Renato Miele (anch'egli ex calciatore della Lazio anni '80), che aveva scritto libro denuncia sul mondo del calcio. Si sono costituiti come parte civile contro Luciano Moggi anche i due ex giovani della Juve Boudianski e Ilyas Zetulayev. Assente l'imputato Moggi mentre sono in aula l'arbitro Bertini e l'assistente Ambrosino.

SPOSTARE IL PROCESSO - Per tutti gli avvocati eccezione di competenza territoriale, il legale di Moggi, Paolo Trofino, sostiene che competente sia il tribunale di Roma («Dove hanno sede la Figc, dove si tenevano i sorteggi, dove venne eletto Carraro...») o in secondo ordine a Torino. «Perché - siega Trofino - le schede sim svizzere date a Paparesta padre a Napoli erano state comprate su ordine di Moggi dato dalla sede di Torino». L'altro legale dell'ex dt, Prioreschi, chiede la nullità del procedimento: «In sede di udienza preliminare non si è formato il fascicolo processuale come previsto dalla legge». Ora si va avanti con le parti civili, dopo la batteria di fila delle eccezioni dei legali difensori dei 24 imputati.

L'ATTESA - Il Giudice Casoria è da qualche ora in Camera di consiglio per prendere una decisione su tutte le eccezioni preliminari presentate dalle parti. Dovrebbe uscire intorno alle 18.30-19. Ha comunque già fissato un fittissimo calendario di udienze (ben 14) di qui alla sosta estiva.

PROCESSO RESTA A NAPOLI, ESTROMESSE PARTI CIVILI - Resta a Napoli il processo di Calciopoli. Lo ha deciso stasera la nona sezione del tribunale di Napoli dopo cinque ore di Camera di Consiglio che ha respinto le istanze di incompetenza territoriale avanzate dalla difesa. I giudici hanno anche deciso l' estromissione di tutte le parti civili, ritenendo che non sussistano "danni diretti e immediati".

JUVE FUORI DAL PROCESSO - Escono quindi dal processo la Juve, tutte le società calcistiche che avevano proposto la costituzione di parte civile, l' Avvocatura dello Stato e la Figc. È stata stralciata per un difetto di notifica la posizione dell' arbitro Massimo de Santis, su cui sarà chiamato a pronunciarsi di nuovo il Gup in udienza preliminare.

PROCESSO VELOCE - Sarà un procedimento veloce: previste 13 udienze dalla prossima del 21 aprile, fino alla pausa estiva.


leggete la JUVE è innocente.....
PMEmail Poster
Top
 
Lele
Inviato il: Sabato, 28-Mar-2009, 14:09
Cita Post


Gobbo Supremo
********

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 9207
Utente Nr.: 32
Nome: Gabriel Adriano
Data di Nascita: 03/10/1970
Residenza: Santo Domingo (Rep.Dom)
Iscritto il: 15-Feb-2009



SONO 29....SENZA SE E SENZA MA.
PMEmail PosterIntegrity Messenger IMMSN
Top
 
conte_di_montecristo
Inviato il: Martedì, 31-Mar-2009, 16:24
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1731
Utente Nr.: 53
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 16-Feb-2009



e sono doppioni gli ultimi post ;)
PMEmail Poster
Top
 
gabriele
Inviato il: Venerdì, 24-Apr-2009, 14:10
Cita Post


Esperto Juventino
***

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 2474
Utente Nr.: 50
Nome: Gabriele Barrasso
Data di Nascita: 15/07/1965
Residenza: Grottaminarda ( AV )
Iscritto il: 16-Feb-2009



Ennesima puntata dal processo di Napoli


Calciopoli, avv. di Moggi: "Dove sono le telefonate di moRatto?"

Quella di ieri al tribunale di Napoli è stata un'udienza apparentemente interlocutoria, dato che si dovevano discutere questioni procedurali, e cioè la richiesta di annullamento dell'ordinanza che aveva escluso le parti civili e i cosiddetti "mezzi di prova", e cioè l'elenco, da parte di Pubblico Ministero e avvocati difensori, di tutti gli elementi (testimonianze, intercettazioni, tabulati, documenti ufficiali, perizie ecc.) che intendono portare nel dibattimento per dimostrare, a seconda dei punti di vista, che gli imputati sono colpevoli o innocenti. E così è stato per la stampa ufficiale, come ad esempio Repubblica, che ha prodotto trafiletti insipidi.
Però, per noi, probabilmente tra i pochi in Italia ancora interessati al punto di vista della difesa, non è stata una giornata così insignificante, tutt'altro.
Diciamo subito che le parti civili si sono viste confermare definitivamente l'esclusione dal processo, e questo ovviamente non è stato scritto da nessuno.
Ma, soprattutto, è passato del tutto sotto silenzio l'intervento dell'avvocato Prioreschi, che chiamato a indicare i "mezzi di prova" di cui intende avvalersi per difendere il mostro Luciano Moggi, ha detto cose che riteniamo molto interessanti, e che siamo convinti interessino molto a chi frequenta il nostro sito.
Prima di tutto, nel sollevare eccezioni sull'utilizzabilità delle intercettazioni, ha fatto notare che per i tabulati delle Sim svizzere mancano le rogatorie internazionali (questione che va al di là dell'aspetto puramente formale, ne abbiamo già parlato qui).
Inoltre, Prioreschi ha parlato di un elenco di tutte le intercettazioni contenute nel DVD della procura. Questo elenco, corredato di numero di telefono, data, durata e progressivo, consterebbe di ben 2.600 pagine, e riguarderebbe circa 171.000 telefonate. L'avvocato ne ha richiesto la trascrizione completa. E scorrendo l'elenco ha notato alcune curiose "anomalie". Riportiamo la parte più significativa del suo intervento:
“Dall’esame della trascrizione integrale delle telefonate emergono delle anomalie: per alcuni numeri ci sono dei periodi, anche lunghi, una settimana, 10 giorni, 20 giorni, in cui sembrerebbe che questo telefono non abbia mai telefonato. Faccio uno dei tanti esempi: a pag. 1131, in relazione ad un certo numero, dal 5 al 26 novembre 2004 questo telefono non avrebbe mai effettuato chiamate, il che francamente a noi sembra strano. Un altro buco c’è a pagina 1160, un altro alla pagina 2194. Noi chiediamo che il Tribunale chieda al gestore di telefonia, Tim, Omnitel, Wind che sia, il tabulato di questi numeri di cui risultano mancanti le telefonate. Sa perché le dico questo, presidente? Perché noi abbiamo chiesto la trascrizione di alcune telefonate che Paolo Bergamo fa alla signora Fazi. In queste telefonate, Bergamo, sotto intercettazione da tempo, riferisce di alcune chiamate che avrebbe ricevuto da parte del presidente dell’onesTeam moRatto. Ci torneremo quando vedrete la trascrizione, lui dice ‘mi ha chiamato moRatto, mi ha parlato degli arbitri, delle designazioni’ e quant’altro. Ora, esaminando tutte le telefonate che abbiamo agli atti, noi ad esempio non troviamo queste telefonate di moRatto, e fanno riferimento anche ad alcune telefonate di Facchetti, che obiettivamente sono rilevanti per la difesa, perché sono comportamenti esattamente speculari a quelli di Moggi. Così come si informava moRatto delle designazioni arbitrali, si informava Moggi. Per Moggi è frode sportiva, associazione a delinquere, per moRatto, beato lui, non è nulla. Noi vorremmo capire come mai queste telefonate non sono negli atti. E questa vicenda, presidente, si collega ad un’altra che è capitolata nella lista testi e che ci sta particolarmente a cuore, e riguarda i testimoni dal 279 al 286, e cioè Marco Tronchetti Provera, Massimo moRatto, Giuliano Tavaroli, Emanuele Cipriani, Carlo Buora, Fabio Ghioni, Alfredo Melloni e Roberto Preatoni. Tra loro abbiamo componenti del famoso Tiger Team della Telecom, quelli che avrebbero fatto – non mi riferisco, per carità, a Tronchetti Provera e moRatto - le intercettazioni abusive Telecom, per le quali dopodomani a Milano comincia l’udienza preliminare e Luciano Moggi è indicato come parte lesa. Questo perché, dagli atti di Milano che noi abbiamo già esaminato, emerge che su incarico dell’onesTeam, di cui Tronchetti Provera, proprietario della Telecom, era sponsor e vicepresidente, Luciano Moggi è stato pedinato, seguito, sono stati redatti dei dossier, e da quegli atti emerge un’ulteriore circostanza che è rilevante e interessante per la difesa e mi auguro anche per il tribunale, che quando Tavaroli, Cipriani, Ghioni e company, cioè gli spioni Telecom, seguivano Moggi in tutti i suoi spostamenti, sa con che tipo di SIM comunicavano tra di loro? Con delle SIM svizzere. Quello stesso gestore di SIM che si addebita a Luciano Moggi. Siccome, come vedrete, dietro l’attribuzione di queste SIM ci sono calcoli complicatissimi sul fatto che agganciano le celle di Torino dove stava Luciano Moggi, noi vorremmo capire, siccome è una questione di calcoli molto complessi, se le SIM che agganciavano le celle di Torino non erano quelle di Moggi, ma magari quelle di cui erano in possesso i suoi pedinatori.
Insomma, ora i processi da seguire diventano due, uno a Napoli e uno a Milano.
Prioreschi ha poi fatto un'altra significativa richiesta: Chiedo inoltre di accertare se Romeo Paparesta è stato mai iscritto nel registro degli indagati della procura di Napoli con riferimento a questo processo e di esaminare le motivazioni dell’archiviazione di Gianluca Paparesta, perché le motivazioni interessano a tutti noi per capire come si ragiona su certe posizioni e come su altre posizioni. ”
Quanto al pm Narducci, ha elencato i "mezzi di prova" dell'accusa, che comprendono le intercettazioni del campionato 2004-05, quelle dell'inchiesta che era stata archiviata a Torino, i tabulati delle famose SIM svizzere e slovene, sostenendo di poter dimostrare con certezza che appartenessero e fossero usate dagli imputati. Interessante il fatto che ha definito le utenze straniere "utili per integrare elementi" che non è stato possibile individuare nelle telefonate ascoltabili", ammettendo implicitamente che le sole intercettazioni diffuse nell'estate di Farsopoli e che tanto erano state pompate dai media non provavano un bel nulla. Porterà inoltre elementi che, a suo dire, proverebbero il sorteggio truccato (la famose palline e un testimone); altre intercettazioni (o meglio, files di telefonate contenuti in un cellulare) che riguardano la vicenda del dossier anti-Della Valle; fotografie e video di pedinamenti di imputati; atti della Figc sulle vicende Mozart-Reggina e Boudianski-Zeytulaev; allegati dell'informativa del novembre 2005 relative a griglie, sorteggi e designazioni arbitrali; relazioni degli osservatori arbitrali; atti della Figc seguiti a dichiarazioni di Cellino dopo un Cagliari - Juve; i verbali delle assemblee Figc e Lega del campionato 2004-05; le famose polizze INA-Assitalia stipulate dalla Juve. E per finire, ovviamente, gli atti della giustizia sportiva relativi ai processi di Farsopoli.

Per le difese, oltre a Prioreschi, sono intervenuti, anche se più brevemente, gli avvocati di Ambrosino, Bergamo, Bertini, Ceniccola, Dattilo, Della Valle, Fabiani, Fazi, Foti, Gemignani, Lotito, Mazzini, Meani, Pairetto, Puglisi, Racalbuto, Scardina, Titomanlio. Interessanti le eccezioni sollevate dall'avvocato di Meani, che ha fatto notare che, quando venne intercettato, l'ex addetto agli arbitri milanista non era nemmeno ufficialmente indagato, dato che la sua iscrizione fra gli indagati è avvenuta solo l'11 maggio 2006, allo scoppiare di Farsopoli.

La prossima udienza era prevista per il 28 aprile, ma siccome gli avvocati difensori hanno chiesto copia dei tabulati integrali forniti dai gestori di telefonia alla Procura, protestando il poco tempo per esaminarli, è stata rinviata al 5 maggio.
Dobbiamo dire che quella data la preferiamo anche noi.


PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (4) 1 [2] 3 4  Rispondi al topicInizia nuovo topic Inizia Sondaggio

 



Sign for La Juventus che vogliamo NOI



Link siti amici: Ju29ro Team - Il blog di Stefano Discreti - In Difesa di un Sogno Chiamato Juventus - Venti9 - Juventus Club Lecco - BarzaInter - Scommesse Campionato - Scommesse Champions - AreaGps by Ross

Translation

Italiano English Français Deutsch Português Nederlands Polski Română Slovenščina Српски Российская Español 中國 日本語 العربية

Il Marchio registrato e il logo della Juventus F.C. sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. S.p.A.
Questo sito non è in alcun modo autorizzato e connesso con la Juventus F.C. S.p.A. o al sito ufficiale del club.
Per segnalazioni e contatti scrivere a: juveforum@gmail.com


PageRankTop.com


Sapphire Icicle Skin by Zeppelin