Juveforum

"Da oggi, fino alla fine del mondo, noi che siamo qui verremo ricordati.
Noi pochi fortunati, noi banda di fratelli.
Perché colui che oggi è con me e versa il suo sangue sul campo, colui è mio fratello".
Noi non dimenticheremo MAI!!! Sempre 29





Pagine : (3) [1] 2 3   ( Vai al primo messaggio non letto ) Rispondi al topicInizia nuovo topic Inizia Sondaggio

> Mondiali 2010
 
Luca
Inviato il: Domenica, 15-Feb-2009, 13:25
Cita Post


Staff Juveforum
********

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 12173
Utente Nr.: 1
Nome: Luca Del Prete
Data di Nascita: 07/01/1973
Residenza: Faenza (Ra)
Iscritto il: 07-Feb-2009



L'Inghilterra ritrova la Croazia, la Germania con la Russia
25-11-2007 17:40


(ANSA) -DURBAN(SUDAFRICA)

L'Italia e' stata sorteggiata per le qualificazioni ai Mondiali 2010 nel gruppo 8 con Bulgaria, Eire, Cipro, Georgia e Montenegro.


L'Inghilterra ritrova la Croazia, dopo la sconfitta choc di Wembley che ha eliminato la nazionale britannica da Euro 2008: le due nazionali sono nel gruppo 6 con Ucraina, Bielorussia, Kazakhstan e Andorra.


La Germania trova la Russia nel gruppo 4, la Repubblica Ceca la Polonia nel 3, e per la Francia ci sono Romania e Serbia nel 7.

Questo il dettaglio dei gironi dell'area Europa.

Gruppo 1: Portogallo, Svezia, Danimarca, Ungheria, Albania, Malta
Gruppo 2: Grecia, Israele, Svizzera, Moldova, Lettonia, Lussemburgo
Gruppo 3: Repubblica Ceca, Polonia, Irlanda del Nord, Slovacchia, Slovenia, San Marino
Gruppo 4: Germania, Russia, Finlandia, Galles, Azerbaigian, Liechtenstein
Gruppo 5: Croazia, Turchia, Belgio, Bosnia, Armenia, Estonia
Gruppo 6: Inghilterra, Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Andorra
Gruppo 7: Francia, Romania, Serbia, Lituania, Austria, Far Oer
Gruppo 8: ITALIA, Bulgaria, Irlanda, Cipro, Georgia, Montenegro
Gruppo 9: Olanda, Scozia, Norvegia, Macedonia, Islanda
PMEmail PosterMSN
Top
 
eldavidinho94
Inviato il: Domenica, 15-Feb-2009, 22:14
Cita Post


Gobbo Intoccabile
*******

Gruppo: Scout-Reporter
Messaggi: 7353
Utente Nr.: 36
Nome: Davide Peschechera
Data di Nascita: 27/02/1994
Residenza: Barletta
Iscritto il: 15-Feb-2009



Ai verdeoro basta un tempo per piegare la nostra Nazionale. Lippi sbaglia formazione e perde l'imbattibilità dopo 31 partite.
Italia, lezione di samba dal Brasile.

La Federcalcio è un po’ più ricca, dopo l’amichevole di Londra con il Brasile. Chi spera nelle sorti future della Nazionale lascia invece lo stadio dell’Arsenal con la sensazione di una maggiore povertà e di aver assistito a una battaglia impari, che si è riequilibrata solo nel secondo tempo quando i sudamericani sentivano la vittoria in tasca e Lippi aveva buttato finalmente in campo una formazione più competitiva, con Toni di punta assistito da Giuseppe Rossi, l’unica nota positiva nella serata. Due reti di scarto ci stanno tutte, pur con il rimpianto di due gol annullati (uno ingiustamente) e dei due prodigi con cui Julio Cesar ha salvato la porta del Brasile nel finale. La realtà è che per 45’ l’Italia è stata soggiogata come non le era mai successo nell’era di Lippi, che interrompe la propria serie positiva a un passo dal record mondiale delle 32 partite senza sconfitte. «Non pensavo di pagare un dazio così forte», ha detto il ct. Ora deve capirne le ragioni.

Brasile-Italia era la partita dei sogni. La poesia del calcio. Ci si è risvegliati dopo meno di mezz’ora come se si fosse andati a letto dopo aver consumato una padella di peperoni e patate, più propedeutica agli incubi. Manca un anno e mezzo al Mondiale, Lippi deve lavorarci su. Il progetto che si intuisce dietro a simili partite può rivelarsi una perdita di tempo perché le figure nuove cui il ct dà fiducia, come ieri Montolivo e Pepe impiegati da subito, non trovano lo spessore internazionale neppure nei loro club e non è mandandoli allo sbaraglio una volta ogni tanto che li si aiuta a crescere. Probabilmente la notte dell’Emirates servirà per distinguere i veri emergenti come Giuseppe Rossi, un magnifico e rapido incursore che ha preso consistenza nel Villarreal, da chi è lontano dal potersi imporre nella Nazionale che punta in alto. Quanto ai vecchi, da un Mondiale all’altro la differenza può essere impietosa.

La cosa strana è vederli sbagliare giocate che persino tra i dilettanti farebbero scandalo: la sventatezza con cui Pirlo si è fatto rubare la palla da Robinho ai limiti dell’area nell’azione del secondo gol è da ritiro della tessera e un paio di volte Buffon è stato messo in pericolo dalle indecisioni di Cannavaro e dello stesso Pirlo nel passare la palla all’indietro. Uomini e schemi. Affrontare il palleggio dei brasiliani con un centrocampo leggero e tre punte, o roba del genere, è stato un atto superbo: nel primo tempo se ne sono pagate le conseguenze con la grande libertà di cui hanno goduto Robinho, Elano (i due che fanno bisboccia al Manchester City ma qui si sono mostrati micidiali) e Ronaldinho, il quale aveva promesso di incantare Ancelotti che lo fa giocare poco e c’è riuscito. Il Fratel Coniglietto milanista si è concesso numeri e giocate di una volta, arretrava a cercare la palla e la portava avanti senza incontrare resistenza: per lui, tranne che per un’entrataccia di Perrotta sulle caviglie, è stata una sera di allegra libertà che lo lancia verso il derby di Milano.

Peccato, perché l’avvio dell’Italia era stato incoraggiante. L’apertura spaziale di Pirlo aveva raggiunto Grosso a 40 metri e il terzino che firmò il rigore del trionfo a Berlino aveva segnato al 4’: Webb, l’arbitro che aveva sostituito l’infortunato Riley, annullava per fuorigioco sull’errore del guardalinee. Ritmo, corsa, divertimento. Pareva che i giocatori si fossero accordati per trovare il puro piacere del football. La cornice del nuovo stadio dell’Arsenal, affollatissimo, aiutava la scena. Finché al 13’ il Brasile arrivava al gol, in palleggio rapido, con l’incursione di Robinho in una voragine davanti alla difesa azzurra e l’assist per Elano di fronte a Buffon. Da quel momento l’Italia dei sogni si sarebbe svegliata soltanto negli spogliatoi, con il tè dell’intervallo. Il Brasile era sciolto, abile, manovriero ma aveva anche più aggressività e più attenzione degli azzurri, che crollavano al 27’ sotto il colpo di Robinho: palla rubata a Pirlo, dribbling su Zambrotta e, sull’arrivo di Legrottaglie, diagonale sul palo opposto. La ripresa cambiava volto. Con più aggressività (Dunga si beccava con Zambrotta per un intervento duro dell’azzurro) e con la bravura di Toni nel tenere palla in area, l’Italia tentava la rimonta, un altro Rossi metteva la firma alle difficoltà brasiliane 27 anni dopo il Mondiale di Spagna: ma ci si fermava alle parate di Julio Cesar e alla rete annullata a Toni, che aveva controllato con la mano il cross di Pirlo.

La replica del ct brasiliano: «Italiani troppo fallosi».
Lippi, scintille con Dunga: "Quante proteste plateali".

Diciamo che non si trovano troppo simpatici, Marcello Lippi e Carlos Dunga, e ieri sera se lo sono praticamente detto, da due passi. «Lui ha protestato abbastanza platealmente - ha raccontato a fine partita il ct azzurro - e se noi avessimo dovuto fare lo stesso nel primo tempo, a ogni loro fallo, sarebbe stato un casino. La verità è che quando si è stanchi, i falli si fanno, e Dunga che è stato un giocatore dovrebbe saperlo».

Il brasiliano, un paio di minuti più tardi, ha risposto dallo stesso palco, la conferenza stampa sulla coda del match, con tono non proprio conciliante: «Se avessi dovuto alzarmi ogni volta che gli italiani facevano fallo, la partita sarebbe stata una telenovela». Tutto s’era innescato dopo un’entrata robusta di Zambrotta, cui Dunga aveva mimato di darsi una calmata, e l’azzurro aveva risposto, a gesti, di starsene tranquillo a sedere. Suonato il gong, Lippi e Dunga s’erano confrontati, senza troppa ipocrisia: «Gli ho fatto i complimenti - ha spiegato il ct azzurro - perché erano stati più bravi di noi, ma gli ho pure detto che aveva esagerato a comportarsi così davanti a 60 mila spettatori. Poteva evitarlo». Più che per Cesare Battisti, sostanzialmente ignoto al mondo del pallone, i rapporti tra i due allenatori sono stati incrinati dalla faccenda di Amauri, quella sì ormai una telenovela. Lippi, da mesi, seppur senza mai esporsi, aspetta il passaporto italiano per chiamare il centravanti della Juve, mentre il collega brasiliano l’ha ignorato per quasi un anno, salvo poi convocarlo per quest’incrocio: scelta poi abortita dal no del club bianconero. Altra decisione che ha fatto infuriare Dunga.

Pure per la faccia del nemico, forse, a Lippi un po’ deve scocciare questa sconfitta, che gli stoppa la possibilità del record mondiale di imbattibilità: s’è fermato a 31, come lo spagnolo Clemente e l’argentino Basile. Anche se a lui, giura, non interessa: «Meno male che è finita sta storia, così non se ne parla più. E la sconfitta mi brucia - prova a ridere - solo perché non ero più abituato». Un po’ gli girano, se risponde male a un innocente cronista locale che gli chiede di Del Piero e Cassano: «E’ un giornalista inglese? Che livello». Di certo è deluso, e sorpreso, dal black-out della squadra, presentatasi al gran galà terrorizzata: «Abbiamo avuto troppo timore reverenziale e così abbiamo pagato un dazio più grande di quello che pensavo». Non accetta rilievi con il senno di poi e ribadisce la scelta di aver buttato dentro gente come Pepe e Montolivo, mai testati a queste latitudini: «Qui ci sono ragazzi che mai hanno giocato queste partite, e se avessi fatto giocare sempre i soliti la prossima volta saremmo stati punto e a capo».

Che ci teneva, e molto, lo si capisce anche dalle recriminazioni e dal suo racconto della serata: «Paradossalmente per la supremazia tecnica che hanno avuto, netta, al di là dei due gol non è che abbiano creato tanti pericoli. E il nostro gol era valido, dunque: pronti e via, uno a zero per noi, e sarebbe stata un’altra cosa. Nel secondo tempo, poi, abbiamo creato occasioni, e Julio Cesar ha fatto due parate eccezionali». Per una volta, allora, il bilancio è in rosso: «Sono più le cose negative che quelle positive, anche se non dimentichiamo che stiamo costruendo una squadra». Nella quale potrebbe rientrare Totti: «Prima di privarmi del carisma e dell’esperienza di certi fuoriclasse ci penserò bene», aveva detto in un’intervista che uscirà sul Magazine del Corriere della Sera. «Ma ora pensiamo alla qualificazione», si consola. Lippi lo farà da oggi, volando a Dublino per vedersi Irlanda-Georgia. Altro pianeta rispetto ai marziani avvistati nel primo tempo di ieri sera.
(La Stampa)





Messaggio modificato da eldavidinho94 il Martedì, 17-Feb-2009, 22:31
PMEmail PosterYahooMSN
Top
Adv
Adv








Nome:
Data di Nascita:
Residenza:






Top
 
juventinadelsud
Inviato il: Mercoledì, 11-Mar-2009, 14:05
Cita Post


Esperto Juventino
***

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 2239
Utente Nr.: 27
Nome: Rosamaria Nigrelli
Data di Nascita: 12/10/1983
Residenza: Palerrmo
Iscritto il: 15-Feb-2009



Il ct della nazionale italiana, Marcello Lippi domenica 22 diramerà la lista dei convocati in vista delle due sfide con Montenegro e Repubblica d'Irlanda per le qualificazioni ai Mondiali 2010.

Montenegro-Italia è in programma sabato 28 a Podgorica (ore 20.45), mentre il match con l'Irlanda allenata da Giovanni Trapattoni si giocherà allo stadio "San Nicola" di Bari mercoledì 1 aprile (ore 20.50).

I convocati si raduneranno entro la mezzanotte di lunedì 23 al centro tecnico federale di Coverciano, martedì alle 10.30 è previsto il primo allenamento aperto alla stampa, nel pomeriggio alle 16 seconda seduta di lavoro a porte chiuse.



PMEmail PosterMSN
Top
 
Pirata
  Inviato il: Domenica, 22-Mar-2009, 18:32
Cita Post


Gobbo Supremo
Group Icon

Gruppo: Gobbo del Mese
Messaggi: 9863
Utente Nr.: 7
Nome: Mohamed
Data di Nascita: 18/07/1982
Residenza: Tunisi
Iscritto il: 15-Feb-2009



2009-03-22 18:09
Fonte: Ansa.it


Azzurri: Lippi chiama Motta, Bocchetti e Pazzini


ROMA - Marco Motta, Salvatore Bocchetti e Giampaolo Pazzini: sono queste le tre novità assolute delle convocazioni del ct della nazionale italiana di calcio, Marcello Lippi, per il doppio impegno di qualificazione ai Mondiali 2010 contro Montenegro e Irlanda.

E' invece un ritorno in nazionale quello di Matteo Brighi e Pasquale Foggia, che contavano rispettivamente una sola e due presenze.

Questa la lista dei 23 giocatori chiamati da Lippi

Portieri:

Gianluigi Buffon (Juve), Marco Amelia (Palermo), Morgan De Sanctis (Galatasaray)

Difensori:
Salvatore Bocchetti (Genoa), Fabio Cannavaro (Real Madrid), Giorghio Chiellini (Juventus), Andrea Dossena (Liverpool), Alessandro Gamberini (Fiorentina), Fabio Grosso (Olympique Lione), Marco Motta (Roma), Gianluca Zambrotta (Milan).

Centrocampisti:

Matteo Brighi (Roma), Daniele De Rossi (Roma), Pasquale Foggia (Lazio), Riccardo Montolivo (Fiorentina), Angelo Palombo (Sampdoria), Simone Pepe (Udinese), Andrea Pirlo (Milan).

Attaccanti:

Antonio Di Natale (Udinese), Vincenzo Iaquinta (Juventus), Giampaolo Pazzini (Sampdoria), Fabio Quagliarella (Udinese), Giuseppe Rossi (Villareal).

Messaggio modificato da Pirata il Domenica, 22-Mar-2009, 18:34
PMEmail Poster
Top
 
grande giovinco
Inviato il: Domenica, 22-Mar-2009, 19:11
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1784
Utente Nr.: 15
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 15-Feb-2009



ke convocazioni assurde.....Lippi mi sta molto deludendo ora.
Bocchetti,gamberini,dossena,montolivo,palombo,pepe e di natale sono fuori forma e non adatti alla nazionale.
Ma giovinco dove è?? Cassano?? Del piero??Marchisio?? Marchetti??e altri ancora....
PMEmail Poster
Top
 
Pirata
Inviato il: Lunedì, 23-Mar-2009, 13:25
Cita Post


Gobbo Supremo
Group Icon

Gruppo: Gobbo del Mese
Messaggi: 9863
Utente Nr.: 7
Nome: Mohamed
Data di Nascita: 18/07/1982
Residenza: Tunisi
Iscritto il: 15-Feb-2009



Qualcuno sa gli orari UFFICIALI delle partite?

Sabato sera o fine pomeriggio?

Grazie in anticipo! ;)
PMEmail Poster
Top
 
eldavidinho94
Inviato il: Lunedì, 23-Mar-2009, 20:37
Cita Post


Gobbo Intoccabile
*******

Gruppo: Scout-Reporter
Messaggi: 7353
Utente Nr.: 36
Nome: Davide Peschechera
Data di Nascita: 27/02/1994
Residenza: Barletta
Iscritto il: 15-Feb-2009



appena lo sapro pirata te lo diro

si big giovi, anche a me sta deludendo
sono ancora qualificazioni
ed è obbligo provare schemi e giocatori nuovi
ma non convocare i giocatori che tu hai citato
a me pare una assurdita
soprattutto marchisio, giovi, marchetti
ALEX MEGLIO CHE NON VADA IN NAZIONALE
A PERDERE TEMPO E FIATO...

per il resto delle convocazioni
sono d'accordo con PAZZINI, BRIGHI e MOTTA

assolutamente contrario a
BOCCHETTI, GAMBERINI, MONTOLIVO, PALOMBO, PEPE

vabbe, lasciamolo fare
staremo a vedere...

Messaggio modificato da eldavidinho94 il Mercoledì, 25-Mar-2009, 18:29
PMEmail PosterYahooMSN
Top
 
Lele
Inviato il: Martedì, 24-Mar-2009, 05:26
Cita Post


Gobbo Supremo
********

Gruppo: Gufi & Stregoni
Messaggi: 9207
Utente Nr.: 32
Nome: Gabriel Adriano
Data di Nascita: 03/10/1970
Residenza: Santo Domingo (Rep.Dom)
Iscritto il: 15-Feb-2009



Convocazioni strane..
PMEmail PosterIntegrity Messenger IMMSN
Top
 
claudio trento
Inviato il: Martedì, 24-Mar-2009, 08:10
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1864
Utente Nr.: 22
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 15-Feb-2009



convocazioni logiche :sciarpa:
PMEmail Poster
Top
 
giovinco_21
Inviato il: Martedì, 24-Mar-2009, 17:14
Cita Post


Fan Juventino
*

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 64
Utente Nr.: 110
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 18-Mar-2009



secondo me ha convocato i giocatori giusti, montolivo è fuori forma ma è un talento, e lippi piano piano sta cercando di farlo inserire nel giro della nazionale, per quanto riguarda cassano...si sa ke a lippi cassano non è molto "simpatico"
PMEmail Poster
Top
 
eldavidinho94
Inviato il: Martedì, 24-Mar-2009, 21:42
Cita Post


Gobbo Intoccabile
*******

Gruppo: Scout-Reporter
Messaggi: 7353
Utente Nr.: 36
Nome: Davide Peschechera
Data di Nascita: 27/02/1994
Residenza: Barletta
Iscritto il: 15-Feb-2009



perche logiche claudio?

----------------------------------------------------

si, giovi
è giusto provare giocatori in queste partite
resto dell'idea che io
non avrei convocato gli stessi uomini di lippi
pero, perche no?

staremo a vedere...
PMEmail PosterYahooMSN
Top
 
grande giovinco
Inviato il: Mercoledì, 25-Mar-2009, 14:17
Cita Post


Juventino Fiero
**

Gruppo: Tifoso Goeba
Messaggi: 1784
Utente Nr.: 15
Nome:
Data di Nascita:
Residenza:
Iscritto il: 15-Feb-2009



Vedremo ma c'è gente migliore in giro.....e poi non è un incontro amichevole,è un match importante per la qualificazione,quindi gli esperimenti si fanno in altri momenti
PMEmail Poster
Top
 
eldavidinho94
Inviato il: Mercoledì, 25-Mar-2009, 17:17
Cita Post


Gobbo Intoccabile
*******

Gruppo: Scout-Reporter
Messaggi: 7353
Utente Nr.: 36
Nome: Davide Peschechera
Data di Nascita: 27/02/1994
Residenza: Barletta
Iscritto il: 15-Feb-2009



Lippi tradisce la promessa a Fantantonio e rifiuta le domande: "Parlo solo dei presenti"

Mancano pochi giorni alla partita casalinga dell’Italia contro l’Irlanda valida per le qualificazioni ai Mondiali in Sud Africa, ma del risultato della gara sembra interessare a pochi, il vero tema che tiene banco è il “Caso Cassano“. La sua mancata convocazione, ancora di più attesa vista la coincidenza della gara interna giocata al San Nicola di Bari, sta agitando le acque e Marcello Lippi rischia di trovarsi più di qualche polemica da parte del pubblico pugliese.

Contro il tecnico si sta scatenando un vero e proprio movimento d’opinione che vorrebbe Cassano in Nazionale, ma soprattutto è “preoccupato” dal fatto che in questa situazione con i tanti attaccanti infortunati, la mancata chiamata per il giocatore della Samp rappresenti una bocciatura definitiva, un ostracismo che non trova fondamento in ragioni tecniche e che le prestazioni in campionato non possono intaccare.

La nostra spiegazione della decisione di Lippi la potete leggere qui, ed appare ancora più valida dopo aver ascoltato le parole del tecnico in conferenza stampa: un secco “no comment” che evidenzia la pochissima voglia di cercare scuse o di prendere tempo.

Cassano? E dov’è? Sapete che parlo solo dei presenti. Non devo motivare le mie scelte. Ho le mie convinzioni e non devo dare spiegazioni. E non perché sono arrogante, ma perché voglio lavorare su chi c’è.

Risulta così tradita la “promessa” di Lippi a Cassano datata gennaio 2006, quando il Pibe de Bari si stava trasferendo dalla Roma al Real Madrid. Una promessa che il giocatore ha inserito in “Dico tutto“, la sua autobiografia recentemente pubblicata.

Tornando alla Nazionale, dopo quel buon Europeo con il Trap, mi perdo. Comincia un periodo orribile che mi porterà a saltare il Mondiale di Germania. Marcello Lippi mi fa un discorso molto onesto all’inizio dell’esperienza al Real Madrid, mancavano cinque mesi al Mondiale. “Mi auguro che tu possa giocare con continuità» mi dice, «in quel caso avrai molte possibilità di venire con noi. Altrimenti per me sarà molto difficile chiamarti. Mettiti nei miei panni, Antonio”. Un discorso corretto. Assolutamente rispettabile. Del resto io non voglio favori, ma chiarezza. È giusto che abbia chiamato altri. La finale del Mondiale 2006 quindi me la vedo in televisione, da tifoso dell’Italia, come era giusto che fosse, visto che venivo da un anno orrendo, passato a non giocare, metà a Roma e metà a Madrid.

Stavolta Lippi non sembra intenzionato a mettere ulteriormente alla prova Cassano, per lui solo porte sbarrate.

PMEmail PosterYahooMSN
Top
 
Pirata
Inviato il: Giovedì, 26-Mar-2009, 10:44
Cita Post


Gobbo Supremo
Group Icon

Gruppo: Gobbo del Mese
Messaggi: 9863
Utente Nr.: 7
Nome: Mohamed
Data di Nascita: 18/07/1982
Residenza: Tunisi
Iscritto il: 15-Feb-2009



Mi rispondo da solo:

Ieri ho visto il sito della Rai:
La partita dovrebbe essere alle 20.30 o più probabilmente alle 20.45.
PMEmail Poster
Top
 
Pirata
Inviato il: Domenica, 29-Mar-2009, 10:51
Cita Post


Gobbo Supremo
Group Icon

Gruppo: Gobbo del Mese
Messaggi: 9863
Utente Nr.: 7
Nome: Mohamed
Data di Nascita: 18/07/1982
Residenza: Tunisi
Iscritto il: 15-Feb-2009



KENYA-TUNISIA 1-2 :bevuta:

Le Aquile di Cartagine (nome che non mi piace) hanno vinto 2-1 a Nairobi lanciando un segnale forte alla Nigeria, la grande rivale del gruppo in campo domani a Maputo, in Mozambico. La Tunisia si è qualificata per gli ultimi 3 mondiali e con il successo sul Kenya sembra decisa a dar battaglia alla Nigeria, teoricamente favorita per la conquista del primo posto nel gruppo B che garantisce il biglietto per Sudafrica 2010. La squadra del portoghese Coelho è passata in vantaggio al Nyayo National Stadium con una rete di Ammar Jemal al 5’ servito da Ben Khalifa. Il miglior giocatore del Kenya, Dennis Oliech ha avuto due chiare occasioni da rete riuscendo a pareggiare al terzo tentativo al 70’: fuga di Patrick Oboya a sinistra cross e conclusione mancina dell’attaccante dell’Auxerre. La sua quinta rete nelle ultime 4 gare di qualificazione mondiale però non è bastata. La Tunisia ha impiegato due minuti per riportarsi in avanti con Issam Jomaa, resistendo poi fino alla fine. Jomaa, mancino che fa panchina nel Lens, seconda divisione francese, evidentemente a Nairobi si trova a suo agio: ieri ha approfittato di un errore difensivo segnando un gran gol con un tiro potente da 20 metri, nel 2005 nella capitale kenyana fece il suo primo gol con la nazionale tunisina. Con la rete di ieri (la terza nelle qualificazioni) è arrivato a 14 in 32 presenze. Partita dura, giocata su un campo in pessime condizioni e condizionata dal caldo umido. Il parmense McDonald Mariga ha giocato tutto l’incontro ma la sua buona prestazione non è stata sufficiente per il Kenya, destinato con ogni probabilità a giocarsi il terzo posto nel girone col Mozambico.

(non metto la fonte per non fare incazzare nessuno... :fischio: )
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (3) [1] 2 3  Rispondi al topicInizia nuovo topic Inizia Sondaggio

 



Sign for La Juventus che vogliamo NOI



Link siti amici: Ju29ro Team - Il blog di Stefano Discreti - In Difesa di un Sogno Chiamato Juventus - Venti9 - Juventus Club Lecco - BarzaInter - Scommesse Campionato - Scommesse Champions - AreaGps by Ross

Translation

Italiano English Français Deutsch Português Nederlands Polski Română Slovenščina Српски Российская Español 中國 日本語 العربية

Il Marchio registrato e il logo della Juventus F.C. sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. S.p.A.
Questo sito non è in alcun modo autorizzato e connesso con la Juventus F.C. S.p.A. o al sito ufficiale del club.
Per segnalazioni e contatti scrivere a: juveforum@gmail.com


PageRankTop.com


Sapphire Icicle Skin by Zeppelin